Linux, Mac, Windows: rsync ottimo anche per fare backup sul computer locale (non solo per sincronizzare due percorsi via rete!)

Come utilizzare rsync per effettuare back-up sul nostro Mac / Linux.

Rsync è un comando davvero potente, già installato di default sia su Mac che su Linux.
Permette di sincronizzare le cartelle / files in maniera incrementale, aggiornando quindi solo i files / cartelle modificati o aggiunti.

Funziona in maniera molto simile la “Time Machine” sul Mac!

Ad esempio:

rsync -av –progress –delete –exclude=’*~’ –exclude=’.*’ –exclude=’folder’ /home/nome_utente/Documenti /media/LaCie/back_up

In questo modo andiamo a salvare il contenuto della cartella “Documenti” nell’HD esterno “LaCie”.

–progress mostra messaggi che indicano il progresso dell’operazione di sincronizzazione;

–delete elimina dalla destinazioni gli eventuali file che nel percorso sorgente non ci sono più;

-a sostituisce in blocco l’opzione -rlptgoD (ricorsivo, preserva, orario, gruppi, utenti, permissions, symlinks, devices, etc… );

–exclude serve per specificare un pattern di file/dir da escludere nel salvataggio (nell’esempio escludo i file di backup (es. nomefile.txt~) generati automaticamente quando si salva nell’editor un file su sè stesso; escludo anche i files nascosti dal Mac e la cartella “folder”)!

Per maggiori info ricordo sempre di utilizzare il comando:

man rsync

ma è possibile anche dare una occhiata qua: http://montellug.it/download/conferenze2007/Conferenze%202007%20-%20Rsync%20-%20Manuel%20Dalla%20Lana.pdf

Versioni GUI (Graphic User Interface):

Grsync per win: CLICCA

Grsync per Mac: CLICCA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.