Linux Ubuntu – Repository aggiuntivi per codecs e apps “non-free”

In una installazione desktop, dove si prevede di far uso anche di applicativi multimediali e codec, free e non-free, il primo repository un po’ più ufficiale da aggiungere sarebbe Medibuntu.
Medibuntu aggiunge una serie di pacchetti dediti alla gestione, conversione, visualizzazione di formati multimediali, oltre a i codec più diffusi per aggiungere la compatibilità a tutti i formati video (divx,xvid, dvdcss, mp4, avi, wmv) e audio (mp3,ogg,flac,wma) più diffusi, e altre applicazioni di terze parti già pronte per la distribuzione (es. googleearth, realplayer, etc.).

Le istruzioni per l’aggiunta dei repository sono al seguente link : https://help.ubuntu.com/community/Medibuntu
Tuttavia, il comando da dare a linea di terminale per l’aggiunta è il seguente:

sudo wget –output-document=/etc/apt/sources.list.d/medibuntu.list  http://www.medibuntu.org/sources.list.d/$(lsb_release -cs).list && sudo apt-get –quiet update && sudo apt-get –yes –quiet –allow-unauthenticated install medibuntu-keyring && sudo apt-get –quiet update

La lista dei pacchetti aggiunti dal repository di medibuntu, sarà già disponibile nei gestori di pacchetti grafici synaptic (per chi fa più uso di ambiente Gnome) o KPackageKit (più a portata di mano per chi usa ambiente grafico KDE).
Se si desidera che la lista di pacchetti aggiuntivi sia disponibile anche nel nuovo Ubuntu Software Center (Ubuntu 9.10+), occorre dare il seguente comando:

sudo apt-get install app-install-data-medibuntu

Una delle cose principali che bisognerebbe installare dopo l’aggiunta di questo repository, se si vuole avere la compatibilità di tutti i formati audio e video esistenti (indipendentemente dal software che si usa per la visualizzazione dei video e/o ascolto di musica) è l’aggiunta dei codec, compatibilmente all’architettura del vostro sistema, con il seguente comando:

Se siamo in ambiente 32 bit:

sudo apt-get install w32codecs non-free-codecs

Se invece siamo in un linux Ubuntu a 64 bit:

sudo apt-get install w64codecs non-free-codecs

Alla prossima.
😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.